Merenda a scuola: spuntini sani da mettere nello zaino

Si avvicina il rientro a scuola e, per molte mamme, una delle difficoltà con cui fare i conti è la merenda da proporre ai bambini a scuola.

Vediamo insieme come poter offrire cibi che regalino energia e sazietà per permettere ai nostri cuccioli di affrontare il resto della mattinata

Quali caratteristiche deve avere una merenda in tal senso?

  1. Deve poter essere trasportata facilmente

  2. Deve essere nutriente…

  3. ma anche gustosa

Ripiegare per comodità o mancanza di tempo sulle merendine confezionate non è il massimo: gli zuccheri sono un problema al giorno d’oggi perché presenti ovunque, anche nascosti. Occorre limitarne l’assunzione e, soprattutto, educare il palato dei nostri bimbi al dolce naturale: frutta fresca e frutta secca ben si prestano a questo scopo.

Vediamo insieme cosa mettere nella schiscetta dei nostri bambini

La frutta è un ottimo spezzafame. Scegliendo mele, pere e altri frutti non trattati, non c’è il bisogno di sbucciarli e sono quindi facilmente gestibili.

Frutta secca: tritata o in forma di crema per evitare il rischio di soffocamento, si può conservare in un piccolo contenitore. Come mangiarla? Semplice: nello yogurt!

Si trova già confezionato e le temperature a cui andiamo incontro ne rendono facile la conservazione. Basta sceglierne uno senza zuccheri aggiunti, possibilmente di latte intero proveniente da allevamenti non intensivi. Combinandolo insieme a frutta fresca e secca abbiamo ottenuto un ottimo alimento, energetico e dal potere saziante.

E per chi preferisce il salato?

Non c’è niente di meglio di un panino ai cereali con del pomodoro, un bel filo d’olio e tanto origano! A piacere si può aggiungere una frittatina leggera, o del tonno al naturale o, perché no, qualche fetta di arrosto di tacchino. L’importante è avere l’accortezza di non dimenticare le verdure: una foglia di lattuga o delle fette di pomodoro renderanno la merenda un piatto completo.

Vi sembra troppo? Non lo è: i bambini crescono velocemente e hanno bisogno di calorie “buone”, tutto sta nel dove poterle prendere!

Una volta ogni tanto, ma che non sia la regola, è anche bello condividere la preparazione di dolci fatti in casa per mangiarli a merenda a scuola.

Qual è la merenda preferita dai tuoi figli?

Altri post

Disprassia il grillo parlante pisa e navacchio1

Disprassia: la conosco?

Non tutti conosciamo questo termine: Disprassia. Effettivamente è un termine tecnico che indica una condizione ben precisa della motricità, del linguaggio  oppure oculare. Di seguito

Pronte ad ascoltarti

Se hai delle curiosità o vuoi più informazioni

oppure chiamaci al numero 
050-3148202
saremo felicissime di rispondere a tutte le tue domande.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici perchè sia utile anche a loro